SERGIO SCATIZZI
SERGIO SCATIZZI

Fiori. olio su tavola. 48.5x27 cm

SERGIO SCATIZZI
SERGIO SCATIZZI

Fiori. olio su tavola. 24x27 cm

SERGIO SCATIZZI
SERGIO SCATIZZI

Fiori. olio su tavola. 23.8x36 cm

SERGIO SCATIZZI
SERGIO SCATIZZI

Fiori. olio su tavola. 48.5x27 cm

Sergio Scatizzi nasce il 20 ottobre 1918 a Gragnano (Lucca). Trascorre l’infanzia e la
prima giovinezza in Valdinievole e nella campagna lucchese. All’età di circa tredici
anni soggiorna a Napoli, in seguito si trasferisce a Roma dove entra in contatto con
Mario Mafai e Antonietta Raphael, esponenti della Scuola Romana. Nel 1936 si reca a Parigi frequentandone il vivace ambiente artistico e conoscendo artisti come Colette, Maurice de Vlaminck e Paul Lèautaud. Rientra in Italia nel 1938 e soggiorna a Montecatini, nella pittura predilige i paesaggi della Valdinievole e le nature morte con i fiori. Presta servizio per la Patria durante la seconda guerra mondiale; in quel periodo incontra lo scrittore Giovanni Comisso e gli artisti Filippo De Pisis e Giorgio Morandi. Nel 1943 torna a Montecatini, dove riprende a dipingere. Alla fine della guerra si
affianca ai pittori pistoiesi, con i quali organizza alcune mostre collettive tra Pistoia e
Montecatini. Conosce anche Ardengo Soffici, ma stabilisce rapporti di sincera amicizia
soprattutto con Comisso e De Pisis, con il quale compie un viaggio a Parigi nel 1948. Il 1949 segna una svolta nella carriera: allestisce la prima personale a Montecatini, presso la Libreria Ariel, presentando per lo più paesaggi, mentre l’anno successivo partecipa alla XXV Biennale di Venezia. A partire dal 1951 entra in contatto con Ottone Rosai e inizia a frequentarne lo studio in Via degli Artisti a Firenze. Nel 1955, Scatizzi si trasferisce definitivamente nel capoluogo toscano, che gli offre l’opportunità di perfezionare il proprio stile e di inserirsi in un ambiente artistico dinamico. Nel 1967 gli viene tributato un importante riconoscimento: vince il XVIII Premio Internazionale del
Fiorino e della Città di Firenze. Sono numerose le mostre organizzate in Italia e in
America: di particolare rilievo è quella che si svolse a Firenze tra il 1997 e 1998 alla Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti. Questa sede ha ospitato anche l’ultima mostra dell’artista, che è spirato pochi giorni dopo la chiusura, nella notte tra il 30 novembre e il 1 dicembre 2009.

SERGIO

SCATIZZI